REGISTRATI   |  
   

RSS   Facebook   Twitter

Italiano   English   Polish


TESTIMONIANZA - GESU' E' STATO IL MIO MIGLIORE AMICO
Share |
Gesù è stato il mio migliore amico dal momento stesso in cui mi ha donato la vita. Ha avuto tanti diversi ruoli: il mio amico immaginario, il mio compagno di giochi, il mio protettore dai brutti sogni, il mio confidente, il mio rifugio, la mia ancora di salvezza,  e quant’altro una bambina può desiderare per riempire gli spazi vuoti del suo cuore. Oggi lo chiamerei soprattutto la mia vice mamma. A Lui rivolgevo le mie preghiere, soltanto a Lui, a Gesù. Nelle varie tappe della mia crescita Lui mi ha accompagnato, seguito, ascoltato, senza mai stancarsi, e mettendomi accanto delle persone straordinarie.
Ma le sicurezze dei bambini un bel giorno finiscono, come quando ci si risveglia da un bellissimo sogno. Basta una grossa delusione e il tuo castello crolla come durante un terremoto. Cominci  a cercare degli idoli, riponendo la tua fiducia in persone che non conoscono Dio e pensando di aver scoperto un’intelligenza superiore alla tua, la soluzione di tutti i tuoi problemi: il risultato è che non risolvi niente e ti ritrovi in lutto, in un vuoto incolmabile che ti procura soltanto lacrime. E’ un passaggio obbligato che ti costringe  a denudarti, a valutarti e a scegliere.
Non è passato molto tempo prima che Gesù riaprisse le porte del mio cuore, anzi ha bussato tanto forte che far finta di non sentire sarebbe stato impossibile. Avevo diciannove anni e mi ero trovata a dover sostenere un’intera famiglia che soffriva; mi accorgevo giorno dopo giorno che non ero mai sola, che non ero  io a risolvere qualcosa ma che Qualcuno sopra di me provvedeva grandiosamente a tutto, parlava per me, agiva per me, suggeriva per me. Questa certezza mi accompagnava , anzi mi chiamava con prepotenza, mi insegnava quanto fosse importante essere umile, rimettere tutto nelle Sue mani con totale abbandono.
In quel periodo ho avuto una preziosissima amica, suor Paola; a lei raccontavo ogni cosa, riuscivo a confidarle tutte le mie incertezze, le mie incapacità e mi rifugiavo nella sua straordinaria saggezza. Lei mi ha insegnato a fidarmi, a pregare, a liberare il mio dialogo con Gesù. Ho vissuto tanti anni accompagnata dalla sua presenza finchè purtroppo un brutto incidente le ha tolto la parola e la mobilità.
Io frequentavo l’Accademia e lavoravo contemporaneamente in un istituto di design e arredamento con grande divertimento e tanta soddisfazione. Lavoravo con 23 donne terribilmente competitive e non era per nulla facile: ero la più giovane ma avevo grande successo . Lì ho scoperto quanto sia difficile concordare il successo con la autenticità del proprio comportamento. Dovevo sorridere quando avrei voluto mordere e mordere quando avrei voluto sorridere. Nessuna delle mie collaboratrici conosceva Gesù neanche superficialmente e non c’era certo da aspettarsi di ricevere gratuitamente nulla. La sera mi addormentavo chiedendomi e chiedendo a Gesù come fare per presentarLo in quell’ambientino di iene. E’ lì che ho capito il valore dell’esempio, della gratuità, dell’amore disinteressato per il bene; è lì che ho avuto la certezza assoluta che la nostra tendenza al desiderio del bene viene da Dio ed è in quella piccola parte divina dalla quale siamo stati creati. Ho capito con quanta intensità il bene vince sempre sul male e questa certezza mi ha accompagnato in tutto il mio iter lavorativo. Le difficoltà che ho incontrato più avanti, molto più grosse e dolorose non mi hanno mai allontanato da Dio. Lui mi ha tenuto sempre per mano fino a farmi incontrare per caso don Andrea Swiecinski al funerale di un’amica. Sono rimasta folgorata dalle sue parole, dalla sua autenticità, dalla sua capacità di trasmettere il Signore direttamente nel cuore come un dardo. Non so come, così velocemente, senza pensare,  mi sia trovata a fare un cammino di consacrazione attraverso Gloriosa Trinità, ma so che oggi la mia vita ruota intorno a questa meta, con tutte le sue difficoltà, le sue fatiche , il grande impegno che comporta e so che ogni altra meta non ha più senso, che ogni aspettativa è nelle mani di Gesù e che finalmente sono riuscita a dire senza paura:”Sia fatta la Tua volontà!”
Betty
   

pubblicato in data: 30/04/2012 16:12:29    :3357

APPUNTAMENTI:

Leggi tutte le news…



Fondazione Regina del Rifugio - Tutti i diritti riservati - P.IVA 04794140964 - Termini di utilizzo e Privacy
Realizzazione MC Service CAD Graphic & Project