REGISTRATI   |  
   

RSS   Facebook   Twitter

Italiano   English   Polish


PER MEZZO DI MARIA - N.S. DI GUADALUPE
Share |

Oltre 20 milioni di pellegrini visitano ogni anno il Santuario di Nostra Signora di Guadalupe situato ai margini della Città del Messico, che è il Santuario più frequentato non solo di tutto il centro e Sud America ma anche di Lourdes e di Fatima.

 La Santa Vergine apparve per la prima volta in questa regione il 9 Dicembre del 1531 a Juan Diego di Cuautitlan, (in azteco Cuauhtiatohuac, "colui che grida come un’aquila" nato nel 1474 e battezzato nel 1525 con il nome di Juan Diego). Un "povero indio" appartenente agli indigeni macehuales. Juan Diego si era convertito da poco tempo al cattolicesimo e coltivava un profondo legame con la Regina del cielo, che considerava sua madre.

Quella mattina mentre stava attraversando la collina del Tepeyac per raggiungere la città e recarsi alla Chiesa di Santa Cruz, dove si sarebbe celebrata la Festa dell’Immacolata Concezione, l’indio fu attratto da suoni celestiali e dalla voce soave di una dolcissima Donna di una bellezza sovraumana, ammantata da una veste splendente raggiante come il sole, che le disse di essere "La Vergine Maria, la madre del vero Dio" e gli ordinò di recarsi dal Vescovo a riferirgli che desidera Le si erigesse un tempio ai piedi del colle. Juan Diego si mise in cammino per raggiungere la residenza del vescovo e riferirgli il messaggio della Signora del Cielo. Ma il vescovo non gli diede peso, gli promise solo che ci avrebbe riflettuto, anche se in realtà non gli aveva creduto.

Sulla via del ritorno Juan Diego, incontrò nuovamente sul Tepeyac la Vergine Maria, Le riferì il suo insuccesso con la risposta del vescovo e chiese di essere esonerato dall’incarico dichiarandosene indegno. Maria lo tranquillizzò e lo incoraggiò e lo invitò di tornare il giorno seguente dal Vescovo. Juan Diego accettò di buon grado e, tornato il giorno seguente dal presule, e lo esortò ad esaudire il desiderio della Madre Celeste. Questa volta il Vescovo iniziò a credergli ma pose all’indio molte domande sul luogo e sulle circostanze dell’apparizione, e infine gli chiese un segno del cielo. Juan Diego ringraziò il Vescovo e corse a riferire a Maria la risposta del Vescovo. La Vergine gli promise di dargli il segno all’indomani. 

II giorno dopo Juan Diego non poté tornare dalla Madonna perché trovò lo zio Juan Bernardino gravemente ammalato, afflitto da una fortissima febbre; siccome le condizioni dell’ammalato continuavano a peggiorare decise di correre a Tlatilolco per chiamare un prete. Giunto in vista del Tepeyac per evitare l’incontro con la Signora decise di cambiare strada e aggirare la collina. Ma la Signora apparve di fronte a lui, avvolta in una luce splendente e gli domandò il motivo di tanta fretta. Juan Diego timoroso e confuso si prostrò ai suoi piedi e le chiede perdono per non poter compiere l’incarico affidatogli a causa della grave malattia dello zio.

La Madonna lo rasserenò e disse di non preoccuparsi dello zio perché era già guarito, poi lo invitò a salire sulla cima della collina di Tepeyrac per cogliere dei fiori. Era il 12 Dicembre e non era certamente la stagione e neppure il luogo, quella desolata pietraia per la crescita dei fiori. Juan Diego con sua grande meraviglia giunto sulla cima del colle trovò delle fresche e splendide rose di Castiglia sbocciate miracolosamente fuori stagione.

Allargando il suo mantello (tilma) come se fosse un grembiule le raccolse, e le portò a Maria Santissima. Ma Ella gli ordinò di portarle al Vescovo come prova della verità delle apparizioni. Juan Diego ubbidì e, giunto al cospetto del Vescovo, riferì il messaggio della Madonna e nel contempo aprì il suo mantello bianco, che fino allora aveva tenuto stretto al petto: appena le rose caddero, sul mantello apparve alla vista di tutti la bellissima immagine della S. Vergine, tale quale si può oggi ammirare nel santuario di Tepera. Di fronte a tale prodigio, il Vescovo con tutti i presenti caddero in ginocchio profondamente toccati. La mattina del giorno seguente il presule accompagnato da Juan Diego andò al Tapeyac per vedere il luogo dove la Madonna aveva chiesto di innalzargli un tempio. La notizia del miracolo si diffuse subito nei paraggi, allargandosi sempre di più. Zumàrraga ordinò per prima cosa la costruzione di una cappella sul luogo delle apparizioni, e poi fece subito avanzare i piani per la costruzione di una basilica.

 


pubblicato in data: 08/12/2012 21:57:09    :1945

APPUNTAMENTI:

Leggi tutte le news…



Fondazione Regina del Rifugio - Tutti i diritti riservati - P.IVA 04794140964 - Termini di utilizzo e Privacy
Realizzazione MC Service CAD Graphic & Project