REGISTRATI   |  
   

RSS   Facebook   Twitter

Italiano   English   Polish


TESTIMONIANZA - LA POTENZA DELLA PREGHIERA
Share |

Ho fatto spesso delle riflessioni sul fatto che, se credo, la mia vita deve essere diversa, si deve vedere, si deve capire che Dio è il Signore della mia vita, che Gesù è vivo! Altrimenti che differenza c’è tra me e un’altra persona che non crede?
Ma allora, cosa devo fare affinché la presenza di Dio sia visibile?
Alla fine delle mie considerazioni ho concluso che la mia preghiera è il respiro di Dio. Se non prego, Dio non respira, non vive, non vive nella mia vita. Nella misura in cui prego, Dio è vivo nella mia vita. Quando la mia vita di preghiera diventerà uno stato interiore continuo di raccoglimento, un continuo rivolgermi a Dio, lodando, ringraziando, supplicando, allora sarà Lui a vivere in me, e non io in Lui.
Sono certa che dalla mia relazione con Dio dipenda il “successo” della mia vita. Dalla mia relazione con Dio dipendono le relazioni che ho con gli altri. Dalla mia relazione con Dio dipende la qualità della mia vita.
La mia serenità proviene dal mio rapporto con Dio. Non da cause esterne.
Se il mio rapporto con Dio è buono la mia vita sarà serena. Come posso avere una buona relazione con Dio? Devo conoscerlo. Devo stare con Lui.
La preghiera è il momento in cui sto con Dio, io e Lui da soli, e ci possiamo conoscere.
Pregare vuol dire stare con Dio. Parlargli. Confidarsi. Consegnargli i dolori, i desideri, le speranze, le paure. Ringraziarlo. Supplicarlo. Ma anche e soprattutto: ricevere.
Davanti al trono di Dio Padre io ricevo. Ho la possibilità di ricevere tutto quello che mi manca, tutto quello di cui ho bisogno e che non posso ottenere in nessun altro modo.
Ciò che non posso comperare né avere attraverso alcun mezzo umano è la pace.
Cerchiamo spesso sollievo in tante cose materiali, ma non troviamo la pace del cuore in queste cose.
La pace interiore, la serenità. La pace che proviene dalla certezza di essere nelle mani di Dio. Di essere amati da Dio in modo perfetto, di avere un Padre che si occupa della nostra vita. La pace che viene dalla consapevolezza che facciamo parte di un progetto più grande, che non conosciamo e non comprendiamo, ma che è un progetto d’amore. Dal fatto che tutto passa, ma la nostra vita è eterna.
L’unica persona al mondo, persona perché Gesù è vivo, che può darci la pace è Gesù, attraverso lo Spirito Santo. Ce lo ha promesso.
Noi abbiamo una certezza incrollabile, su cui si basa la nostra fede: le promesse di Dio!
Se noi crediamo in Dio non possiamo non credere a ciò che Dio ci ha detto, la Parola di Dio non sbaglia, non ci inganna, non ci prende in giro. La nostra fede è appoggiata sulle promesse di Dio:
“La fede è fondamento di ciò che si spera e prova di ciò che non si vede. 2Per questa fede i nostri antenati sono stati approvati da Dio.” (Ebrei 11,1)
Senza la fede è impossibile esserGli graditi; chi infatti si avvicina a Dio, deve credere che Egli esiste e che ricompensa coloro che lo cercano.
“Accostiamoci dunque con piena fiducia al trono della grazia per ricevere misericordia e trovare grazia, così da essere aiutati al momento opportuno.” (Ebrei 4,16)
Il frutto della preghiera è ricevere le promesse di Dio. Io ho la certezza matematica che riceverò la grazia di Dio. Ho la certezza di essere ascoltato:
“Chiunque crede in lui non sarà deluso. 12Poiché non c'è distinzione fra Giudeo e Greco, dato che lui stesso è il Signore di tutti, ricco verso tutti quelli che lo invocano. 13Infatti: Chiunque invocherà il nome del Signore sarà salvato.” (Romani 10,11)
Ho la certezza di essere salvato.
“Non angustiatevi per nulla, ma in ogni circostanza fate presenti a Dio le vostre richieste con preghiere, suppliche e ringraziamenti. 7E la pace di Dio, che supera ogni intelligenza, custodirà i vostri cuori e le vostre menti in Cristo Gesù.” (Filippesi 4,6-7)
Ho la certezza di trovare la pace, ho la certezza che Gesù stesso mi custodisce.
“La speranza (in Dio) non delude. Perché l’amore di Dio è stato riversato nei vostri cuori per mezzo dello Spirito Santo che ci è stato dato.” (Romani 5,5)
Ho la certezza che non sarò deluso.
“Nel giorno in cui ti ho invocato, mi hai risposto, hai accresciuto in me la forza.” Salmo 183
“Riceverete la forza dallo Spirito Santo che scenderà su di voi.” Atti 1,8
Ho la certezza di ricevere la forza necessaria per superare le difficoltà.
“Gesù le disse: Io sono la risurrezione e la vita; chi crede in me, anche se muore, vivrà.” Giovanni 11
Ho la certezza che vivrò in eterno.
Nella nostra preghiera siamo già pieni di certezze, siamo già certi che le promesse di Dio sono realizzate nella nostra vita e nella vita delle persone per le quali preghiamo.

Una sorella del Movimento


pubblicato in data: 15/10/2013 11:15:59    :2514

APPUNTAMENTI:

Leggi tutte le news…



Fondazione Regina del Rifugio - Tutti i diritti riservati - P.IVA 04794140964 - Termini di utilizzo e Privacy
Realizzazione MC Service CAD Graphic & Project