REGISTRATI   |  
   

RSS   Facebook   Twitter

Italiano   English   Polish


TESTIMONIANZA: AMO GESU' SIN DAL GREMBO MATERNO
Share |

Chi mi conosce sa che dico spesso che amo Gesù sin dal grembo materno. Mamma Ida mi ha trasmesso la fede con il suo sangue. Sono cresciuta con il suo esempio di donna di preghiera, mi ha trasmesso l'amore per Dio e per l'uomo di qualsiasi condizione o razza. Mi svegliavo sentendola cantare "Tu sole vivo per me sei Signore" e spesso prima di coricarmi recitavo il Rosario con lei.

Da moglie e mamma è diventata suocera e poi nonna, ma sempre con un cuore di bambina che si fida di Dio con tanta semplicità e fermezza.

Nel 2007 la malattia, gli ospedali, il coma per 40 giorni hanno iniziato a metterla a dura prova con tanta sofferenza fisica; il suo unico vero conforto era Gesù. Papà, mia sorella ed io, che l’abbiamo curata sempre con tanto amore, abbiamo assistito ad un lento martirio a cui lei dava ragione solo perché così aveva scelto Dio per lei.

Potrei scrivere per ore sulla sua testimonianza di fede, ma voglio condividere un’esperienza personale, molto intima, vissuta di recente.

Una sera andando a festeggiare un compleanno in un locale molto vicino al cimitero, mi sono rattristata pensando a mia madre sotto terra, al buio, e ho ricordato quante volte ho pulito quel corpo, massaggiati i suoi piedi, le sue gambe. Cos’è rimasto di quel corpo? E' solo come una corazza che riprenderà vita dopo la resurrezione dei morti. Così si è rafforzata in me l'urgenza di evangelizzare, di parlare di Dio alle anime. Certo è importante la cura del corpo, fare sentire il calore umano, specialmente a chi soffre, ma è urgente pensare all'anima, alla salvezza dell'uomo, perché dopo la morte ciò che portiamo con noi è l'amore per Dio e per i fratelli.

E' ritornata la pace! Perché so che mia mamma è viva, ha portato una cesta ricolma di amore con sé e se anche lo strappo della morte fa sempre molto male, è solo un arrivederci!

L'ultimo respiro di mia mamma è stato proprio nell’ospedale da cui era uscita in fin di vita 7 anni fa; un sacerdote ha detto che la Madonna, quando fa i miracoli, lascia sempre un segno, come una cicatrice che ci ricorda sempre di ringraziare perché tutto è un dono. Oggi ringrazio Dio per mia mamma, perché me l'ha  donata e Maria perché ha interceduto affinché mi restasse accanto ancora per questi ultimi anni.

Concludo con una frase di S. Faustina che ho letto la notte in cui mamma è salita al cielo e che ricordo soprattutto nei momenti di malinconia: "Dopo la morte potrò ottenere da Gesù più che in vita. Mi ricorderò di tutti voi  davanti al Suo trono!" Amen

Elena


pubblicato in data: 02/11/2014 20:51:41    :1330

APPUNTAMENTI:

Leggi tutte le news…



Fondazione Regina del Rifugio - Tutti i diritti riservati - P.IVA 04794140964 - Termini di utilizzo e Privacy
Realizzazione MC Service CAD Graphic & Project