REGISTRATI   |  
   

RSS   Facebook   Twitter

Italiano   English   Polish


PAPA FRANCESCO: GESU' E' IL SIGNORE, LA MANIFESTAZIONE DI DIO
Share |

Nel commento al Vangelo di Luca, il Papa riflette su Gesù che invita Simon Pietro e gli altri pescatori di Galilea a prendere il largo e gettare le reti: dopo una notte infruttuosa, spiega, le reti si riempirono di pesci. Un “segno prodigioso” che fa capire a coloro che diventeranno i primi discepoli di Cristo che “Gesù non è solo un formidabile maestro, la cui parola è vera e potente, ma che Egli è il Signore, è la manifestazione di Dio”. Ma tale presenza ravvicinata, continua Francesco, suscita in Pietro “un forte senso della propria meschinità e indegnità”:

“Da un punto di vista umano, pensa che ci debba essere distanza tra il peccatore e il Santo. In verità, proprio la sua condizione di peccatore richiede che il Signore non si allontani da lui, allo stesso modo in cui un medico non può allontanarsi da chi è malato”.

Non proselitismo ma misericordia
Gesù lo esorta a “non temere”, lo rassicura, aggiunge il Pontefice, annunciandogli che da quel momento in poi sarà “pescatore di uomini”: così Pietro, con Giacomo e Giovanni, suoi “soci di lavoro”, lasciano tutto e seguono Cristo ponendo fiducia in Lui, diventato loro “Maestro e Signore”:

“Questa è la logica che guida la missione di Gesù e la missione della Chiesa: andare in cerca, “pescare” gli uomini e le donne, non per fare proselitismo, ma per restituire a tutti la piena dignità e libertà, mediante il perdono dei peccati. Questo è l’essenziale del cristianesimo: diffondere l’amore rigenerante e gratuito di Dio, con atteggiamento di accoglienza e di misericordia verso tutti, perché ognuno possa incontrare la tenerezza di Dio e avere pienezza di vita”.

San Leopoldo e San Pio
In tale prospettiva e nei giorni in cui in San Pietro sono temporaneamente traslate le spoglie di due grandi confessori, il Papa pensa “in maniera particolare” a loro:

“Sono i primi a dover dare la misericordia del Padre seguendo l’esempio di Gesù, come hanno fatto anche i due Frati santi, padre Leopoldo e padre Pio”.

Le orme del Maestro
Quindi l’auspicio, in questo Anno Santo della Misericordia, a confortare e rassicurare quanti si sentono “peccatori e indegni” di fronte al Signore e “abbattuti per i propri errori”, pregando la Vergine Maria di aiutarci a comprendere sempre più che “essere discepoli significa mettere i nostri piedi sulle orme lasciate dal Maestro”, orme di grazia divina “che rigenera vita per tutti”.

Leggi tutto l'articolo


pubblicato in data: 08/02/2016 13:27:14    :683

APPUNTAMENTI:
14 ottobre 2019
MILANO - PREGHIERA COMUNITARIA
15 ottobre 2019
MILANO: SANTA MESSA PER I LAVORATORI
16 ottobre 2019
VILLARICCA (NA): ATELIER
17 ottobre 2019
MILANO: SANTA MESSA PER LAVORATORI - SAN BARTOLOMEO
17 ottobre 2019
MILANO: ADORAZIONE EUCARISTICA COMUNITARIA

Leggi tutte le news…



Fondazione Regina del Rifugio - Tutti i diritti riservati - P.IVA 04794140964 - Termini di utilizzo e Privacy
Realizzazione MC Service CAD Graphic & Project