REGISTRATI   |  
   

RSS   Facebook   Twitter

Italiano   English   Polish


TESTIMONIANZA: PERCHE' CERCATE TRA I MORTI COLUI CHE E' VIVO?
Share |

Mi chiamo Mauro, è da poco che frequento la comunità di Gloriosa Trinità, da settembre, e volevo darvi la mia testimonianza su quello che ho vissuto a Gazzada. Sono andato al ritiro in macchina con Luisa e abbiamo fatto circa un’ora di viaggio parlando, ed io le ho fatto tantissime domande in quanto lei conosce molto bene il cammino spirituale. La cosa curiosa e che mi ha molto colpito è stato il fatto che poi, mentre partecipavo al ritiro, Don Andrea ha risposto senza saperlo, attraverso le sue catechesi, a tutte le domande che io avevo posto in macchina a Luisa e ciò mi ha veramente sbalordito perché mi ha dato quelle risposte che io desideravo e di cui avevo bisogno. Sto attraversando un periodo difficile e di rabbia perciò facevo tante domande. Ma la cosa tra le tante che più mi ha toccato è stato quando Don Andrea ha fatto il paragone con il servizio a tennis, io ho giocato tanto a tennis e avevo sempre un problema con il servizio mentre lui ha detto che con Gesù non dobbiamo battere noi il servizio, la palla è Sua e fa Lui, allora mi sono sentito davvero sollevato perché per una volta ho pensato: “ecco finalmente qualcosa che non devo fare io. La palla del servizio non ce l’hai tu ma ce l’ha Dio perciò se ti arrivano delle palline veloci o addirittura addosso anche se non le prendi non importa perché ciò che è importante è ciò che ti do Io.”

Questa cosa mi ha rincuorato e dato coraggio. Poi quando ho preso i bigliettini con un passo della Parola ne ho presi due proprio perfetti per me, per questo stato d’animo in cui sto vivendo ora e anche questo mi ha colpito molto perché in uno c’era scritto accetta tutto e sii paziente con le situazioni difficili della vita….e nell’altro confida in Lui.

Perciò vi condivido che tutto è stato una bellissima sorpresa e ho riacquistato un po’ di serenità rispetto a come ero partito, mi ha dato modo di vedere le cose da una prospettiva diversa meno dolorosa infatti l’altra cosa che mi è piaciuta molto è stato il discorso sulla differenza tra priorità ed emergenze. Io ho vissuto la mia vita nelle emergenze ho vissuto sempre risolvendo emergenze e non ho mai dato il giusto peso a quelle che sono invece le priorità della vita e mi ritrovo ora a 46 anni, anche se vivo una vita un pò nel caos, a capire quali sono. Poi Don Andrea ha anche detto di non preoccuparci se siamo nel caos perché c’è Dio che come una chioccia cova sopra di noi vegliando e non ci lascia mai, quindi devo solo pazientare….sono felice di condividere con voi la gioia che ho provato e che ho ancora oggi per tutte queste parole che mi hanno così profondamente toccato e aiutato. Grazie a tutti voi!

 

 


pubblicato in data: 23/04/2018    :5473

APPUNTAMENTI:
15 novembre 2019
NUMANA: ATELIER
17 novembre 2019
VILLARICCA (NA): ANIMAZIONE SANTA MESSA
28 novembre 2019
SAN BENEDETTO DEL TRONTO: ADORAZIONE EUCARISTICA

Leggi tutte le news…



Fondazione Regina del Rifugio - Tutti i diritti riservati - P.IVA 04794140964 - Termini di utilizzo e Privacy
Realizzazione MC Service CAD Graphic & Project