REGISTRATI   |  
   

RSS   Facebook   Twitter

Italiano   English   Polish


GIOVANI: L'ABBANDONO
Share |

In questi giorni più volte ho riflettuto sull’abbandono, perché sono tante le volte, in cui Gesù è intervenuto nella mia vita con la sua grazia, semplicemente perché io mi abbandono a Lui quotidianamente. Gesù ci chiede davvero di lasciarci andare nelle sue braccia che sono la misericordia infinita di un Padre che ci desidera talmente tanto al punto di aver dato la propria vita per noi e se solo ci si sofferma su questa frase, davvero non si può che rimanere stupiti dalla grandezza del suo Amore. L’abbandono è un grande atto di fiducia che implica il lasciar da parte se stessi per mettersi nelle mani di qualcun altro che sa davvero cosa sia più giusto per noi, anche se facciamo fatica a capirlo. Mi viene in mente una breve barzelletta che mi era stata raccontata: un giorno un uomo cadde in un dirupo e per non sprofondare si aggrappò ad un ramo, ad un certo punto guardò in alto e disse: “c’è qualcuno lassù? Sto cadendo” e il Signore gli rispose: “buttati e vedrai che ti salverò” ma l’uomo guardando in alto di nuovo gridò: “c’è qualcun altro lassù?”. Questa breve barzelletta ci fa capire quanto noi dobbiamo buttarci ossia lasciare tutti i rami che ci tengono ancorati alle nostre strutture, insicurezze e paure e buttarci senza paura, perché Dio non ci farà mai del male, invece noi a volte siamo proprio come quest’uomo che ha paura e rimane attaccato al suo ramoscello. Soprattutto a noi giovani, può spaventare il futuro, perché non sappiamo cosa aspettarci, ma in fondo dobbiamo solo capire che basta affidarsi a Dio per scacciare questa paura e per comprendere davvero che Lui ha un progetto in mente per ognuno di noi che solo vivendo giorno dopo giorno nel suo Amore potremo arrivare a realizzare, a distanza di tempo, magari di anni, ma con Gesù.

Quindi ogni giorno possiamo chiederci: quali sono i rami che mi tengono ancorato alle mie paure? alle mie strutture? Sforzandoci di lasciarli per metterci nelle Sue mani. Don Andrea tante volte dice che bisogna buttarsi in mare aperto perché questo mare è Dio, senza paracaduti che ci bloccano, perché Dio ci da sempre quel che ci corrisponde. Non è facile pensare, anzi, credere con fermezza, che Gesù ogni giorno è disposto a prenderci nelle sue braccia. Credo sia qualcosa di meraviglioso e tante sono le sfide e le sofferenze della vita per noi giovani, sempre presi dallo studio, così come anche per gli adulti sempre indaffarati con questioni domestiche, lavoro figli e quant’altro, ma la chiave sta proprio in questo grande atto di Amore nei confronti di Dio, ossia nel dire: “Gesù io mi abbandono a te, io confido, spero e credo in Te”. Si comprende così che nulla, può distruggere quel che Dio ha pensato per te, perché un atto di Amore così grande non può mai essere danneggiato, se non a volte dallo stesso uomo che non comprende che anche nelle sofferenze, in realtà, Dio gli è vicino e lo sarà sempre. Lasciamoci davvero trasportare dall’amore di Gesù, perché un Amore così grande non può che essere trasmesso. L‘abbandono, ossia l’affidarsi completamente a Dio, è davvero un atto di grande Fede e Gesù stesso, come fece con i suoi discepoli, chiede anche a noi “perché hai paura?” e “dove è la tua Fede?” e allora noi possiamo trasformare queste paure in sicurezze, ma attenzione, le paure non scompariranno, ma avremo una sicurezza in più: la sicurezza di affrontarle con Gesù che calma sempre le nostre tempeste nella misura in cui noi ci affidiamo a Lui e ci fidiamo di Lui. Vorrei concludere questo breve articolo con un pezzo di una canzone che dice: “Come Tu mi vuoi io sarò, dove Tu mi vuoi io andrò, se mi guida il Tuo Amore paura non ho, per sempre io sarò dove Tu mi vuoi”. Lasciamoci allora guidare dall’amore di Gesù, affidandoci a Lui ogni giorno per riscoprire la bellezza di essere Amati e di Amare allo stesso tempo.

pubblicato in data: 29/01/2017 14:52:59    :525

APPUNTAMENTI:
15 novembre 2019
NUMANA: ATELIER
17 novembre 2019
VILLARICCA (NA): ANIMAZIONE SANTA MESSA
28 novembre 2019
SAN BENEDETTO DEL TRONTO: ADORAZIONE EUCARISTICA

Leggi tutte le news…



Fondazione Regina del Rifugio - Tutti i diritti riservati - P.IVA 04794140964 - Termini di utilizzo e Privacy
Realizzazione MC Service CAD Graphic & Project