REGISTRATI   |  
   

RSS   Facebook   Twitter

Italiano   English   Polish


TESTIMONIANZA: SCEGLIERLO SEMPRE AL DI SOPRA DI NOI STESSI
Share |

Scrivere la mia testimonianza sulla vacanza comunitaria estate 2017 non è stato semplice per alcuni versi perché, vivendo nel mondo ed essendo allenata ai risultati, mi sono detta: ma quale risultato mi sono portata a casa durante e dopo la settimana a Numana con Gloriosa Trinità? Successivamente però ho riflettuto invocando lo Spirito Santo e ho pregato. Mi sono resa quindi conto che il pensiero iniziale non veniva da Gesù, ma da me stessa e dalla mia vecchia mentalità che ancora oggi cerca di non andarsene. Dico ‘ancora oggi’ perché sono in cammino da tanti anni e ho avuto la prima conversione nel 2000.

Arrivo alla vacanza comunitaria 2017 stremata, non solo per il grandissimo caldo sopportato, ma anche a causa di un inconsolabile senso di vuoto ed impotenza di fronte alla mia vita che in quella fase mi sembrava assomigliasse ad una girandola, che gira, gira senza trovare direzione…

Esprimo al Signore con fatica e vergogna questo sentirmi a fine corsa, senza possibilità di appello. Anche con i fratelli della comunità, pur stando bene con loro e godendo della loro amicizia ed amore, mi sentivo che tutto fosse senza prospettive.

L’estate, si sa, è per molti momento di svago, viaggio, invio di foto da posti di villeggiatura, ecc. Invece c’è una grande parte di umanità che la vacanza non riesce o non può farla e rimane in città. Io appartenevo al secondo gruppo e questa cosa mi faceva tanto soffrire.

Mi sono così messa di buona volontà a partecipare a tutti i momenti di preghiera comunitaria con “l’approccio della spugna”, che assorbe la Grazia dello stare insieme lodando Dio. Dal mattino alla sera. Anche quei pochi momenti “liberi” li trascorrevo con le persone della Comunità, magari prendendo un caffè, mangiando assieme a pranzo, facendo un bagno in piscina. Mi sono detta e ho sentito una voce che mi diceva: “Messa ed Adorazione sono irrinunciabili!”. Ho quindi seguito questo invito forte che mi veniva rivolto. Non ho mai saltato una messa o un’Adorazione, perché sapevo che da lì mi sarei rialzata. Così è avvenuto! Il mercoledì del Perdono di Assisi abbiamo svolto un pellegrinaggio presso il Santuario della Madonna Addolorata ad Campocavallo (AN). Lì la Madonna mi ha fatta sfogare, proprio come si fa con la Mamma. A volte le dici cose cattive che non pensi veramente e la incolpi di cose di cui Lei non è responsabile. Ero arrabbiata… e Lei lo sapeva, per cui mi ha accolta così. Mi ha asciugato le lacrime e consolata. Praticamente sono rinata dopo quel pellegrinaggio. Penso proprio di avere ricevuto la Grazia della liberazione dal senso di oppressione che vivevo da mesi.

I giorni successivi sono stati tutti gioiosi, leggeri e pieni di fiducia nel disegno che la Santissima Trinità ha per me, e lo ha! Non mi ha dimenticato, conto per la Santissima Trinità! Che meraviglia! Gesù non guarda ai risultati, ma a come metti il piede nel cammino della vita. Anche se fosse solo un piccolo passo, quello che conta è stare con Lui sempre. SceglierLo sempre al di sopra di noi stessi.

Ancora oggi in ogni momento mi accompagna il canto nato nel cuore da quel benedetto mercoledì 2 agosto: “Lo Spirito di Cristo, fa fiorire il deserto, dona la vita… e diventiamo testimoni di Luce!”

Elena


pubblicato in data: 25/09/2017 15:36:29    :856

APPUNTAMENTI:
21 novembre 2019
MILANO: SANTA MESSA PER LAVORATORI - SAN BARTOLOMEO
21 novembre 2019
MILANO: ADORAZIONE EUCARISTICA COMUNITARIA
21 novembre 2019
MILANO: GIORNATA EUCARISTICA
22 novembre 2019
NUMANA: ATELIER
28 novembre 2019
SAN BENEDETTO DEL TRONTO: ADORAZIONE EUCARISTICA

Leggi tutte le news…



Fondazione Regina del Rifugio - Tutti i diritti riservati - P.IVA 04794140964 - Termini di utilizzo e Privacy
Realizzazione MC Service CAD Graphic & Project