REGISTRATI   |  
   

RSS   Facebook   Twitter

Italiano   English   Polish


GIOVANI: LA MIA RESURREZIONE
Share |

La resurrezione di Gesù spesso sembra un avvenimento molto lontano da noi, qualcosa che ci aspetterà solo quando il mondo finirà... Insomma, qualcosa che non ci riguarda in prima persona, almeno non adesso.

 

E invece la resurrezione riguarda ciascuno di noi, questo può avvenire solo grazie alla fede in Dio e grazie al suo amore per noi. Noi da soli difficilmente riusciamo a cambiare noi stessi, solo affidandoci al suo amore possiamo sollevarci dalle morti della nostra vita, raddrizzarla e fare la sua volontà.

 

Magari leggendo vi sembrerà che questo articolo non vi riguardi, che tutto sommato la vostra vita, anche se tra alti e bassi, comunque proceda bene, non avete bisogno di un grande cambiamento perché non siete messi così male. Invece vi sbagliate, non bisogna cadere così in basso per poter risorgere; la resurrezione, il cambiamento riguarda soprattutto i piccoli aspetti della vita e non può avvenire senza la grazia di Dio e io ne ho fatta diretta esperienza.

 

Durante il liceo sono sempre stata molto concentrata sullo studio, su quello che ero convinta fosse il mio unico dovere, quindi lo studio veniva prima di tutto e tutti. Ovviamente avevo amici e anche parecchi, ma vivevo le relazioni come una parte solo secondaria della mia vita. Tutto questo si generava da una sbagliata concezione di Dio e del suo disegno per me. Vedevo Dio come un giudice e non come un padre, il mio approccio alla vita non era fiducioso ma anzi timoroso, studiavo non tanto per il conoscere quanto per paura di un risultato negativo, per paura di conseguenze che in realtà non esistevano.

 

Durante i vari incontri di preghiera e le Messe mi era sempre più chiaro che avrei dovuto abbandonare questa visione così radicata e determinante per la mia vita ma, per quanto lo avessi capito razionalmente, non riuscivo a metterlo in atto concretamente. Così iniziai a farne oggetto di tutte le mie preghiere e di quelle della mia famiglia.

 

La resurrezione non arrivò immediatamente, ma dopo parecchi anni. Gesù mi ha fatto sentire anzitutto il grande amore che prova per me, mi sono sentita amata e così ho capito la centralità delle relazioni, dell’amore nella vita. Ciò che dà valore alla mia vita non sono i risultati che raggiungo ma l’amore che vivo e trasmetto. 

 

 


pubblicato in data: 25/02/2018 19:50:40    :525

APPUNTAMENTI:
20 ottobre 2019
VILLARICCA (NA): ANIMAZIONE SANTA MESSA

Leggi tutte le news…



Fondazione Regina del Rifugio - Tutti i diritti riservati - P.IVA 04794140964 - Termini di utilizzo e Privacy
Realizzazione MC Service CAD Graphic & Project