REGISTRATI   |  
   

RSS   Facebook   Twitter

Italiano   English   Polish


GIOVANI: STORIA DI UNA VIRGOLA. LA FORZA DI DIO NELLA DEBOLEZZA
Share |

Mi hanno colpito molto le parole di don Andrea durante una delle sue ultime catechesi quando ha parlato del saper voltare pagina, o meglio, scrivere una virgola e andare avanti, perché Gesù è al di là di quello che possiamo pensare di noi e dei nostri errori.

Così mi sono fermato a riflettere, aiutato da diversi altri spunti, sulla straordinaria bellezza del Tempo di Quaresima che ci invita proprio a mettere in relazione la nostra miseria con la Sua Misericordia, e pensavo come alla fine stia tutto nel saper scrivere una virgola. 

Davanti al peccato o ad un errore ognuno di noi comincia una dialogo interiore in cui si scopre più o meno “in errore” e così tende più o meno a svalutarsi e a dirsi che è sempre “il solito peccatore”; e mentre fa ciò si colpevolizza, così il suo senso di colpa cresce tanto quanto diminuisce una sana considerazione di sé.

Ma tutto questo, se pur sia la pratica comune, è proprio il contrario del senso del peccato; siamo invece chiamati a scoprire che Gesù ama ogni nostro errore tanto quanto le nostre buone azioni e forse di più. Davanti all’errore, alla luce del Suo Amore viscerale per noi, possiamo cominciare un dialogo costruttivo nel quale scopriremo come tutti siamo peccatori, ma che quello che conta veramente non è l’errore in sé, ma cosa nascerà da questo errore.

In questo senso basta mettere una virgola, attenzione, una virgola e non un punto. La virgola ci dice che il peccato è parte della frase e parte della nostra vita. Certo, ci piacerebbe molto di più, e spesso lo facciamo, mettere un bel punto e andare a capo; ma così non facciamo altro che tornare sugli stessi errori. Un po’ come quando ci diciamo: “Basta, da lunedì comincio la dieta”, poi passano le settimane e magari qualcosa è cambiato, ma facciamo sempre compromessi qua e là, cercando più gli spazi di fuga che una vera crescita interiore.

La nostra debolezza non ci sarà mai tolta, sarà sempre parte della frase. Ma proprio la debolezza è l’occasione più bella dell’incontro con Gesù morto per i nostri peccati e soprattutto risorto alla vita nuova, se lasciamo che la Sua Misericordia vinca la nostra miseria, se mettiamo una virgola e guardiamo al Suo Amore per noi.


pubblicato in data: 05/03/2018 10:47:38    :549

APPUNTAMENTI:
20 ottobre 2019
VILLARICCA (NA): ANIMAZIONE SANTA MESSA

Leggi tutte le news…



Fondazione Regina del Rifugio - Tutti i diritti riservati - P.IVA 04794140964 - Termini di utilizzo e Privacy
Realizzazione MC Service CAD Graphic & Project