REGISTRATI   |  
   

RSS   Facebook   Twitter

Italiano   English   Polish


TESTIMONIANZA: TARDI TI HO AMATO
Share |

Tardi ti ho amato, bellezza tanto antica e tanto nuova, tardi ti ho amato. Ed ecco che tu stavi dentro di me e io ero fuori e là ti cercavo. E io, brutto, mi avventavo sulle cose belle da te create. Eri con me ed io non ero con te. Mi tenevano lontano da te quelle creature, che, se non fossero in te, neppure esisterebbero. Mi hai chiamato, hai gridato, hai infranto la mia sordità. Mi hai abbagliato, mi hai folgorato, e hai finalmente guarito la mia cecità. Hai alitato su di me il tuo profumo ed io l'ho respirato, e ora anelo a te. Ti ho gustato e ora ho fame e sete di te. Mi hai toccato e ora ardo dal desiderio di conseguire la tua pace (Sant’Agostino).

Ringrazio il Signore che non ci abbandona mai, nemmeno nel tempo della prova. Anzi, proprio nella prova ho ricevuto le grazie più grandi nella mia vita e nella mia famiglia. Ma nella prova si fa fatica a stare e così ho iniziato a fuggire da Dio; ho provato a cercare la felicità nel mondo e non trovandola gridavo a Dio a modo mio.

Tanti giovani oggi gridano a Dio e lo fanno in diversi modi: c’è chi si colora i capelli di verde, chi si nasconde da tutti, chi si ubriaca, chi si droga e così via; San Paolo dice che la morale senza la fede non serve a nulla, anzi, tante volte ferisce e fa anche peggio. Noi dobbiamo discernere questi modi di gridare e tradurli in preghiera con la nostra vita e vicinanza.

Io ringrazio Dio perché nel momento di difficoltà non sono stato giudicato dai miei fratelli consacrati ma sono stato accompagnato con tanta preghiera e amore fino al mio passaggio dal buio alla luce. Dio ha voluto far coincidere la mia pasqua con la Pasqua liturgica del 2018. E subito dopo, proprio nell’Ottava di Pasqua, durante la celebrazione del Sacramento della Riconciliazione, non solo ho ricevuto il perdono di tutti i miei peccati, ma il Signore mi ha rivestito del suo Abito Regale, donandomi il Suo Spirito e facendomi vivere in pienezza la mia Consacrazione. E’ proprio vivendo questa pienezza che i Carismi ricevuti fin dalla tenera età, nel giorno del mio Battesimo, hanno preso una forma, un colore nuovo acceso dal fuoco dello Spirito Santo. Per esperienza personale consiglio di celebrare il sacramento della riconciliazione con il padre spirituale.

Mi viene in mente questa storiella:
C’era una volta un bellissimo giardino, con alberi e fiori di ogni tipo, meli, aranci, rose, tutti felici e soddisfatti. C’era solo felicità in quel giardino, tranne che per un albero che era molto triste. Il povero albero aveva un problema: non sapeva chi fosse!
“Ti manca la concentrazione” gli disse il melo, “se davvero ti impegni, puoi fare mele deliziose. Guarda com’è facile”. “Non ascoltarlo”, intervenne il cespuglio di rose ”e guarda quanto siamo belle noi!”.
L’albero disperato provò ogni cosa gli venisse suggerita, provò a produrre mele e a far sbocciare rose, ma -non riuscendo- ad ogni tentativo si sentiva sempre più frustrato.
Un giorno un gufo arrivò nel giardino, era il più saggio di tutti gli uccelli, e vedendo la disperazione dell’albero esclamò: “Non ti preoccupare. Il tuo problema non è così serio. E’ lo stesso di tanti esseri umani sulla terra! Ti darò io la soluzione: non passare la tua vita ad essere ciò che gli altri vogliono che tu sia. Sii te stesso. Conosci te stesso e per far ciò ascolta la tua voce interiore”. Poi il gufo scomparve.

Tante volte noi ci concentriamo sui doni e i carismi dei fratelli e non riusciamo a vedere i nostri. A volte addirittura cadiamo nell’invidia e nella gelosia e il carisma del fratello anziché servirci ed essere d’aiuto per la nostra santificazione rischia di diventare, per noi, una condanna. Guardiamo dentro di noi quanta bellezza che il Signore ha seminato e facciamo sbocciare questi santi “fiori”, perché il carisma per essere infuocato deve essere vissuto.

Dobbiamo gridare a Dio e chiedere di mandarci lo Spirito Santo. Gesù stesso grida sulla croce: “Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato?”. E subito dopo il buon ladrone grida a Gesù: “Ricordati di me quando sarai nel Paradiso”. Mi colpisce che nell’ora della morte di Gesù, nell’ora della Salvezza dell’umanità intera, gli uomini gridano. Gesù, vero Dio e vero uomo, grida a Dio Padre, l’uomo condannato dal mondo per i propri errori grida a Gesù: “Salvami!”.

Il nostro grido è autentico quando siamo umili, quando riusciamo a fare silenzio davanti a Dio. E’ proprio in questo silenzio che lo Spirito Santo viene in nostro aiuto e grida dentro di noi: “Abba, Padre!”.

La Chiesa ci mostra 4 modi di fare silenzio, i quali li troviamo nella Santa Messa.
Il silenzio di raccoglimento, che ci prepara all’azione che andiamo a svolgere.
Il silenzio di appropriazione, dove il silenzio matura e fa spazio all’ascolto della Parola.
Il silenzio meditativo, dove c’è il dialogo, dove Qualcuno parla dentro di me, bussa al mio cuore, mi inquieta, mi rimprovera e mi da’ gioia.
Infine il Silenzio di adorazione, dove noi riconosciamo Dio come Dio. In questo silenzio capisco chi è Lui, e chi sono io.

Pascal diceva che “l’uomo è infinitamente distante tra il nulla e il Tutto”; è proprio in questa incolmabile differenza tra Dio e l’uomo che siamo guardati, raggiunti dallo Spirito e riempiti del Suo Amore.

 Andrea

 

 


pubblicato in data: 10/06/2018 11:17:47    :622

APPUNTAMENTI:

Leggi tutte le news…



Fondazione Regina del Rifugio - Tutti i diritti riservati - P.IVA 04794140964 - Termini di utilizzo e Privacy
Realizzazione MC Service CAD Graphic & Project