REGISTRATI   |  
   

RSS   Facebook   Twitter

Italiano   English   Polish


Papa all'Angelus: rimaniamo fiduciosi nell’agire potente di Dio
Share |

Il lavoro del contadino che getta sul terreno un "seme" e poi al "termine della maturazione provvede al raccolto" non ha niente a che vedere con la crescita di quel piccolo seme. Così è per il Regno di Dio: "Mediante la predicazione e l'azione di Gesù" - fa notare il Pontefice - è "annunciato", fa "irruzione nel mondo e si sviluppa" secondo "criteri umanamente non decifrabili", perchè è "soprattutto "espressione della potenza e della bontà di Dio" e non "opera dell'uomo". Questo insegna a ciascuno di noi a vivere come "stagioni di prova, di speranza e di attesa vigile" i momenti in cui la storia sembra contraddire il disegno del Padre celeste, fatto di "giustizia", "fraternità" e "pace":

Infatti, ieri come oggi, il Regno di Dio cresce nel mondo in modo misterioso e sorprendente, svelando la potenza nascosta del piccolo seme, la sua vitalità vittoriosa. Dentro le pieghe di vicende personali e sociali che a volte sembrano segnare il naufragio della speranza, occorre rimanere fiduciosi nell’agire sommesso ma potente di Dio. Per questo, nei momenti di buio e di difficoltà noi non dobbiamo abbatterci, ma rimanere ancorati alla fedeltà di Dio, alla sua presenza che sempre salva. Ricordate questo: Dio sempre salva. È il Salvatore.

Ma il Regno di Dio è anche come il granellino di senape, "seme piccolissimo" eppure in grado di svilupparsi fino a diventare la "più grande di tutte le piante". "Una crescita imprevedibile e soprendente", la definisce Francesco, da imparare a comprendere:

Non è facile per noi entrare in questa logica della imprevedibilità di Dio e accettarla nella nostra vita. Ma oggi il Signore ci esorta a un atteggiamento di fede che supera i nostri progetti, i nostri calcoli, le nostre previsioni. Dio sempre è il Dio delle sorprese. Il Signore sempre ci sorprende. È un invito ad aprirci con più generosità ai piani di Dio, sia sul piano personale che su quello comunitario.

In particolare nelle nostre comunità, ribadisce il Papa, occorre "fare attenzione alle piccole e grandi occasioni di bene" che è il Signore a offrire e lasciarci coinvolgere nelle "sue dinamiche di amore, accoglienza e misericordia verso tutti". Poi, con una considerazione complessiva, Francesco abbraccia quella che definisce "l'identità della missione della Chiesa":

L’autenticità della missione della Chiesa non è data dal successo o dalla gratificazione dei risultati, ma dall’andare avanti con il coraggio della fiducia e l’umiltà dell’abbandono in Dio. Andare avanti nella confessione di Gesù e con la forza dello Spirito Santo. È la consapevolezza di essere piccoli e deboli strumenti, che nelle mani di Dio e con la sua grazia possono compiere opere grandi, facendo progredire il suo Regno che è «giustizia, pace e gioia nello Spirito Santo» (Rm 14,17).

Sia la Vergine Maria, è l'auspicio del Papa a farci "semplici e attenti" per collaborare con fede e lavoro allo "sviluppo del Regno di Dio nei cuori e nella storia".


pubblicato in data: 19/06/2018 09:57:32    :381

APPUNTAMENTI:
20 ottobre 2019
VILLARICCA (NA): ANIMAZIONE SANTA MESSA

Leggi tutte le news…



Fondazione Regina del Rifugio - Tutti i diritti riservati - P.IVA 04794140964 - Termini di utilizzo e Privacy
Realizzazione MC Service CAD Graphic & Project