Gloriosa Trinità



TESTIMONIANZA: LA VITA COMUNITARIA GUARISCE

Quest'anno per la seconda volta ho avuto la Grazia di partecipare alla vacanza comunitaria di Numana.
Ciò che mi ha spinto a partecipare è stato vedere cosa, dopo tre anni, nella mia vita fosse cambiato. Infatti, quelle ferite che nella scorsa vacanza sono state così dolorosamente toccate (per far uscire il pus, per usare le parole di Don Andrea, altrimenti sarebbe difficile farle rimarginare) sono convinta che ora sono guarite. Soprattutto quelle legate all'abbandono.

Quest'anno sono approdata a Numana con grande fiducia, ottimismo, sicura che il Signore e Maria Santissima mi avrebbero dato ciò di cui avevo bisogno.
Ho condiviso l'alloggio con due sorelle che non conoscevo. Superati i primi giorni di adattamento in cui abbiamo cercato di venirci incontro reciprocamente, è nata subito tra di noi una bellissima comunione e una grande condivisione sia materiale che Spirituale. Facevamo a gara nel condividere la giornata, anche la sera dopo l'Adorazione. Più volte abbiamo pranzato insieme in clima di amicizia e fraternità.

Oltre alle celebrazioni, che sono state molto intense, la condivisione in Atelier è stata una notevole esperienza, dove ognuno ha arricchito i fratelli di come la Parola aveva risuonato nel suo cuore.

Ho sentito un grande amore del Signore non solo attraverso i fratelli, ma anche durante l'Adorazione in cui lo Spirito Santo suggeriva delle preghiere che sembravano specifiche proprio per me.

In questo tempo, tra la prima e la seconda vacanza di Numana, una nuova vita è sgorgata in me.

Il Signore con la sua Grazia, mi ha fatto scalare le vette della rabbia, del risentimento, dell'orgoglio, per donarmi la sua Pace, un bene davvero inestimabile che ti permette di gustare la vita, di andare oltre, di andare avanti anche quando le situazioni sono chiuse e impossibili da risolvere.
Quando ritorno in quei luoghi dove l'amarezza ha spesso segnato le mie estati, un nuovo gusto per la vita mi invade. Riesco a guardare quei posti come se fosse la prima volta apprezzandone tutta la bellezza e il calore.
Ringrazio Gloriosa Trinità, tutti i fratelli, i consacrati, i miei responsabili, Don Andrea, perché attraverso il contributo di tutti il Signore della Vita ha vinto la mia morte! E di questo voglio dare gloria a Dio.