Gloriosa Trinità



TESTIMONIANZA - PER MARIA ALLE STELLE

Quando don Andrea ci annunciò il progetto di condurci alla Consacrazione al Cuore Immacolato di Maria e dedicare il mese di Maggio ad esercizi spirituali preparatori fu l’ennesima ventata di aria fresca a cui il nostro Pastore aveva abituato il suo gregge.

Ma di quale gregge sto parlando? Per chi non lo sapesse, durante il periodo di chiusura totale Gloriosa Trinità si era attivata per regalare a tutte le anime il conforto spirituale di una S. Messa quotidiana, dedicando spazi ed energie ad approfondimenti di preghiera  anche contemplativa. Si era così formata una comunità virtuale divenuta nel passare delle settimane sempre più numerosa (chi non ricorda alcune serate memorabili in cui si contavano più di 500 persone…); alla guida del nostro “gregge”, don Andrea riempiva i cuori della Santa Trinità e di Amore per la Croce con le sue vibranti omelie; quale sollievo  per  noi impauriti, sconcertati e indifesi, una vera grazia del Signore!

Con il mese di Maggio, quindi, le omelie del nostro Pastore, ispirate alle riflessioni di S. Luigi Grignon de Monfort, ebbero Maria come vertice quotidiano degli insegnamenti.  

Giorno dopo giorno la figura di Maria si ingigantiva ai miei occhi, ne coglievo la sua straordinarietà; Maria, il cui Cuore Immacolato non aveva mai conosciuto il male, il peccato, Maria che riuscirà a calpestare la testa del dragone, Maria, novella Eva che con il suo FIAT ha saputo cambiare il mondo, ma, soprattutto, Maria che è stata il meraviglioso tramite per la trasformazione del Verbo in Carne. Senza di lei non avremmo avuto il nostro Salvatore!

Eppure, la vita di questa “meraviglia” è stata improntata all’umiltà e all’obbedienza, oltre che all’infinito amore per tutti noi che lei chiama suoi figli; quale conforto sapere che c’è un rifugio nel quale ci viene offerto riparo sicuro, quello del Suo Cuore Immacolato!

Ed è così che ci siamo ritrovati il 31 Maggio, in coincidenza della Santa Pentecoste, a fare il nostro atto di consacrazione  al  Cuore Immacolato di Maria (di S. Luigi Grignon de Monfort): quanta emozione nell’attesa di quella sera…! E’ stato davvero il nuovo battesimo nel quale abbiamo rinnovato le promesse fatte da altri per noi al fonte battesimale. Posso dire che, per me, che non so neppure la data del mio battesimo originale, è un po’ come aver segnato la data della mia ri-nascita.

So bene che perseguire lo stile di vita di Maria nel nostro quotidiano sarà un grande impegno, un lungo cammino e una lotta continua con il vecchio ego che è in noi. Ma bisogna pur iniziare da qualche parte, se si vuole essere uomini e donne ‘nuovi’… Perché questo è stato l’obiettivo che don Andrea ci ha indicato fin dai primi giorni del suo insegnamento.

Sono stati 100 giorni memorabili, iniziati in sordina e via via divenuti l’appuntamento quotidiano più importante delle mie giornate: grazie, don Andrea, grazie, Casa Betania, grazie, Gloriosa Trinità, grazie ignoti fratelli e sorelle che mi avete accompagnato in questo periodo ricco di tante, tante emozioni!

Evviva Maria!

Anna